Pratiche per l’egemonia: il mutualismo

Emanuele Caon

Negli ultimi decenni in Italia (ma non solo) è stata totalmente egemone la narrazione post-ideologica della società, incarnata dalle soluzioni neoliberiste, dal tramonto delle parole destra e sinistra, e dallo schema del bipolarismo partitico: due grandi formazioni politiche di centro-destra e centro-sinistra che si alternano al potere. Tale narrazione non è del tutto tramontata, ma le contraddizioni sociali esplose nell’ultimo decennio sembrano aver riabilitato le divisioni ideologiche; purtroppo a pieno favore delle destre.

A noi – che vorremmo un mondo non capitalistico, più giusto, equo e anche economicamente democratico – tutto è venuto a mancare. Non abbiamo partiti di massa di riferimento; non abbiamo un movimento che sposti gli equilibri sociali; ci mancano analisi, parole d’ordine, strutture in grado di farle circolare; se riusciamo a produrre idee e materiali non abbiamo il potere mediatico di tv, radio, giornali che le supporti e diffonda, anzi, ci appoggiamo a piattaforme che potrebbero oscurarci e farci tacere al primo conflitto: Google, Facebook, YouTube ecc.

Ci manca uno spazio di convincimento e organizzazione tale da permetterci azioni politiche – istituzionali o meno – in grado di pesare realmente. Siamo quindi ben lontani dalla possibilità di costruire un’egemonia culturale che si sostanzi in potere economico e politico in misura tale da concretizzare, se non la fuoriuscita dal capitalismo, almeno l’opportunità di assestargli qualche duro colpo che ci permetta di negoziare in modo favorevole. In questo contesto ritorna interessante una soluzione che ha il sapore dell’Ottocento: il mutualismo come pratica di solidarietà che si fa strumento di autorganizzazione politica.

Il primo problema che il mutualismo affronta è quello di canalizzare le energie in un progetto concreto capace di fornire risultati tangibili. Il mutualismo dimostra che se si offrono reali possibilità di azione ci sono molte persone disposte a impegnarsi. Si tratta di soggetti che, anche quando politicizzati, non trovano la loro dimensione in una pratica politica diretta: dalla militanza in un partito a quella in un sindacato, fino alla partecipazione   a mobilitazioni, vertenze, assemblee. Spesso però ad attivarsi nel mutualismo sono soggetti restii a riflettere in termini politici, persone a cui le parole uguaglianza, libertà, solidarietà (o antisessismo, antirazzismo, ambientalismo) risultano ideali astratti e irraggiungibili. Soggetti quindi molto lontani da un lessico in vario modo anticapitalista e a cui un’analisi della realtà basata su concetti classici come capitalismo, conflitto di classe, lotta ecc. è totalmente avulsa, se non addirittura allontanante.

Il mutualismo mostra due potenzialità nella capacità di attivare una simile soggettività depoliticizzata. Innanzitutto, prima coinvolgere e dimostrare materialmente, poi fare teoria: vieni, prova, partecipa; ecco questa è solidarietà e quella è la macelleria della competizione liberista. In secondo luogo, a contatto con pratiche quotidiane e con persone povere di coscienza politica, è la stessa sinistra che scopre di dover riformulare la sua analisi e di dover mettere a verifica la propria grammatica della realtà: questa parola la scartiamo, questo termine funziona ancora, questo va usato con moderazione. In un momento in cui tutta la sinistra – da quella più radicale a quella più moderata, e nonostante il movimento delle Sardine – si mostra in crisi, incapace di chiamare le piazze, bloccare le strade o anche solo chiedere un voto, la soluzione migliore pare quella di ripartire dalle pratiche. E quindi scegliere di rieducarci politicamente frequentando il mondo delle cose, riconfermando il vecchio adagio per cui teoria e prassi o marciano insieme o non sono efficaci, cioè utili. È un modo per ricordarci (e imparare) che non solo dobbiamo convincere e persuadere la società della validità dei nostri valori e ideali, ma anche offrire un’alternativa realistica e praticabile al dominio incontrastato del mercato.

Per evitare gli sproloqui, passiamo all’analisi di un caso concreto di mutualismo, in uno dei territory dove apparentemente sembra più difficile da realizzarsi.

Il primo maggio 2019 apriva nel quartiere Arcella di Padova la Casetta del Popolo Berta, un’occasione di solidarietà e organizzazione popolare. Berta si era presentato come un tentativo di intervento sociale, voluto dai militanti di Potere al Popolo! e del Catai, quest’ultimo è un luogo di aggregazione utilizzato soprattutto per attività culturali e politiche. Tale spazio è diventato poi la sede di Potere al Popolo! Padova. Berta ha ospitato fin da subito moltissime attività, tutte gratuite, la maggior parte delle quali a carattere mutualistico.

Mutualismo per noi significa partire dai bisogni e dalle necessità degli abitanti di un territorio e cercare di darvi una risposta collettiva, senza paternalismo né assistenzialismo. Significa darsi una mano a vicenda, riconoscendo che i problemi che ciascuno affronta nella propria vita sono comuni a molti e hanno radici sociali. Significa prendere coscienza, nella pratica, del fatto che se uniamo le forze possiamo tanto migliorare fin da subito le nostre condizioni di vita, quanto organizzarci e fare pressione dal basso perché si produca un cambiamento ai livelli più alti della società [1]

Se in Veneto la disoccupazione ha morso meno che in altre parti d’Italia, il peggioramento delle condizioni di lavoro, l’impoverimento generalizzato e l’incapacità di affrontare collettivamente i problemi sono ugualmente gravi, anche per la mancanza di comunità di riferimento e riconoscimento. Il venir meno del mondo contadino e delle sue forme comunitarie ha riversato l’ideologia del fasso tutto mi nel Veneto della piccola e media impresa, lasciando spazio libero (e terreno fertile) all’individualismo più spinto e orgoglioso, con tutto il suo portato di auto-sfruttamento, auto-colpevolizzazione, solitudine, aggressività. In tempi di crisi tutto ciò presenta il conto, e se vi aggiungiamo la tendenza sempre più drastica alla privatizzazione dei servizi essenziali, sanità e trasporti in primis, otteniamo il quadro di un territorio tutt’altro che idilliaco, caratterizzato piuttosto da numerose tensioni e contraddizioni.

A oggi il dominio ideologico della Lega è pressoché incontrastato. In Veneto d’altronde l’amministrazione leghista riesce bene ad attribuire le colpe dei mali regionali a nemici esterni (meridionali, immigrati, lo Stato centrale, l’Europa dei mercati e delle banche), e contemporaneamente però si presenta come un partito apparentemente moderato, fatto di buoni amministratori (alla Luca Zaia) che si preoccupano degli interessi dei veneti e sprecano poco tempo in chiacchiere. Così facendo la Lega è riuscita a conquistarsi il consenso sia della destra, sia dei moderati – talvolta pure di sinistra.

Se la sinistra riesce ancora a governare in qualche amministrazione comunale (tendenzialmente coalizioni civiche moderate), nessuna delle sue parole d’ordine fa vacillare il feudo leghista. In questo scenario il discorso anticapitalista risulta drammaticamente marginale, non solo per la confusione con cui viene formulato, ma anche per la sostanziale assenza di strutture di trasmissione in grado di condurlo a quei soggetti che dovrebbero accoglierlo. Eppure il Veneto è anche una regione densa di associazioni, gruppi di volontari e volontarie, centri di assistenza che – pur con mille contraddizioni e spesso di area cattolica – sembrano desiderare e alludere a una società fondata su principi di uguaglianza e solidarietà. In un simile contesto un luogo di mutualismo – pur con una bandiera rossa in bella vista – si è presentato immediatamente come qualcosa di familiare e accettabile. La duplicità interessante della Casetta del popolo Berta è stata quella di offrire una possibilità di azione a coscienze in vario modo di sinistra, che hanno potuto sentirsi utili scoprendo che la loro attività era anche politica, e contemporaneamente attirare persone che mai avevano sentito parlare di conflitto con il capitale.


[1] Brano tratto dal manifesto Mutualismo a Nordest di Potere al Popolo! Padova (N.d.R).