Lo sguardo del drone su Milano

Sergio Bologna

Demolire il mito del “modello Milano”. Sembrerebbe una buona cosa, se fatta con ragionamenti di spessore in grado di recuperare quella stagione irripetibile di pensiero critico al quale alcuni docenti della Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano hanno dato il loro contributo negli anni Settanta con la rivista Quaderni del territorio. Aggredire il “modello Milano” con superficialità fa soltanto il gioco di quelli che hanno governato la città nei suoi periodi più bui. Si viene indotti a queste riflessioni da un lato da certe prese di posizione (v. l’articolo di Lucia Tozzi su Lo stato delle città, n. 3, ottobre 2019), dall’altro da letture come Against Urbanism di Franco La Cecla che, pur mettendo in risalto alcuni percorsi perversi delle politiche urbane e la mitologia degli “archistar”, è ancora largamente insufficiente ad affrontare determinate problematiche tipiche degli spazi metropolitani.

Probabilmente lo sguardo dell’urbanista ha acquistato la valenza di “sguardo generale” alla fine dell’Ottocento, quando i piani regolatori urbani hanno iniziato a fare scuola e quindi i suoi criteri di giudizio si sono poco alla volta imposti come scienza della città e della società che la vive. È indubbio che molte trasformazioni sociali nella città possono essere ricondotte a scelte urbanistiche, è indubbio che la disposizione dell’abitare determina in maniera notevole le stratificazioni sociali ma è altrettanto vero che l’epoca che stiamo attraversando, in particolare l’epoca che ha visto la nascita dell’informatica e di Internet, ha prodotto degli agenti di trasformazione sociale che sembrano assai più potenti del fattore urbanistico nel cambiare le persone e il loro modo di pensare e di agire. Pertanto lo sguardo dell’urbanista sembra essere sempre meno convincente nell’individuare le ragioni che determinano il cambiamento di una città, sembra essere sempre più “specialistico” e aver perso quella capacità (o pretesa) di rappresentare l’intera complessità di una trasformazione urbana. Sembra sempre più lo sguardo di un drone che dall’alto riesce a vedere e distinguere bene i volumi ma sempre meno riesce a vedere e a distinguere gli uomini.

Per tornare a Milano. La facciata ingannevole che nasconde le sua fragilità non può essere demolita con ragionamenti puramente urbanistici, nello spazio ristretto del binomio speculazione-espulsioni. Né una città può essere letta solo attraverso le scelte delle politiche urbanistiche di Giunta. È un’operazione stolida appiattire lo sguardo al punto da mettere sullo stesso piano l’epoca dei Formentini-Albertini-Moratti con il periodo Pisapia-Sala perché nei progetti di Rogoredo o di City Life o dell’Expo c’è stata continuità: è un’operazione improduttiva politicamente ma soprattutto inadeguata a capire quali sono le fragilità vere di Milano che si nascondono sotto la facciata del mito di città “viva, dinamica, innovatrice, efficiente”.

Facciamo un piccolo passo indietro. Per ricordare ai troppi che se lo sono scordato che Milano dagli anni Ottanta a tutto il primo decennio del nuovo secolo, cioè per la bellezza di trent’anni – un periodo più lungo di quello del regime fascista – è stata la città che ha prodotto i fenomeni più deleteri della politica italiana, la città che ha segnato il degrado della nostra vita pubblica come nessun’altra città italiana, la città-laboratorio della crisi della democrazia così com’era stata concepita dai padri costituenti nel 1946. È la città che ha promosso il fenomeno del tardo craxismo, chiamato frivolamente “Milano da bere”, che ha portato all’ascesa di Berlusconi, di Bossi e infine di Salvini. E di Formigoni: Milano è stata la città-laboratorio di Comunione e Liberazione, cioè di un movimento ecclesiale capace di spaccare il mondo cattolico (spunto che Salvini ha ripreso in pieno). Se nel 2011, dopo trent’anni la città ha saputo ritrovare dignità e orgoglio, mettendo in piazza quel movimento plebiscitario che ha portato alla Giunta Pisapia – un movimento molto più ricco di quanto Pisapia sia stato capace di rappresentare istituzionalmente [1] – non possiamo classificare quella svolta come mero episodio elettorale: dobbiamo inserire quel movimento in una sequenza storica che va dalle Cinque Giornate all’insurrezione del 25 aprile 1945 alla lotta degli elettromeccanici del 1960, le grandi date in cui Milano ha saputo scrollarsi di dosso i diversi gioghi che le sono stati imposti. L’entusiasmo, la determinazione di quei cortei, di quelle manifestazioni che invadevano la città, la tensione morale e culturale delle decine di incontri, seminari, dibattiti – quell’atmosfera, quella partecipazione, quel risveglio di un popolo che sembrava ormai narcotizzato per sempre – erano cose che non si vedevano dal 1945. E c’era gioia, non c’era il lutto pesante dei funerali per le vittime di piazza Fontana. Quel movimento è stato lo spartiacque, non l’elezione della nuova Giunta. Quel movimento ha interrotto la sequenza trentennale dell’abbrutimento. Ed è da quel punto alto di democrazia che dobbiamo ripartire. Chi non l’ha vissuto può averne una pallida idea dal film che una cinquantina di registi ha girato in quei giorni: Milano 55.1 Cronaca di una settimana di passioni[2], presentato al Festival di Locarno. Per rispettare il contenuto di quel movimento, per rendere giustizia alla tensione di rinnovamento che esso portava con sé, Pisapia avrebbe dovuto governare chiamando continuamente la piazza a partecipare alle scelte, facendo appello incessante alla democrazia diretta. Invece l’“ordine istituzionale” ha finito per prevalere: cinque anni dopo in occasione dell’elezione di Sala quel movimento s’era imbucato in vari rivoli sotterranei, Sala è stato eletto con le solite alchimie della politica di corridoio, senza entusiasmi. Malgrado ciò, onestamente, si può dire che poteva andar peggio, molto peggio, vista la piega che aveva assunto nel frattempo la politica nazionale: ci siamo già dimenticati dell’atteggiamento di Matteo Renzi e del suo governo? Se non ha sparato a zero contro Pisapia come ha fatto a Roma, cacciando dal Campidoglio il povero e onesto Marino, poco ci è mancato.

Nei tentativi di demolizione del “modello Milano” che sono in circolazione di questo passaggio non c’è traccia: sembra ci sia consapevolezza di cosa sia stato il “modello nero di Milano”, quello dei Craxi, dei Berlusconi, dei Bossi, dei Formigoni. No, se vogliamo togliere la maschera al mito di Milano “città viva, dinamica, efficiente”, se vogliamo mettere il dito sui punti nevralgici, dobbiamo percorrere altre strade, non abbiamo bisogno di quattro architetti che mettono insieme un piano regolatore alternativo, né abbiamo bisogno dei grandi affreschi sulle “espulsioni” alla Saskia Sassen. Dovremmo chiederci semmai com’è nato il mito del “modello Milano”, perché è nato, dove è nato? E perché quel mito ha potuto attecchire? Se pensiamo che quel mito sia pura opera di abili comunicatori, spalleggiati da un po’ di energumeni mediatici che mettono a tacere le voci contrarie, ci sbagliamo di grosso. Un mito non nasce dal nulla. Una Giunta di amministratori pubblici che non pensano solo agli affari propri o a mettersi i soldi in tasca non è fenomeno usuale nel nostro paese. Un’amministrazione di opere pubbliche che rispettano scadenze e costi preventivati è fenomeno ancora più raro. Una rete di trasporti che cresce e che funziona anche come riduzione del rischio d’isolamento delle periferie non è poi un fatto così scontato. Ci sono vari al tri motivi che c’inducono a pensare che Milano la buona fama se la sia guadagnata e che buona parte del merito vada alla gestione del Comune. Ma anche alla lungimiranza di privati. La zona della moda e del design, la cosiddetta “zona Tortona” che durante il Salone del Mobile diventa teatro del cosiddetto “Fuorisalone” [3], oggi esteso anche a Lambrate, è nata da un’operazione condotta da privati che invece di radere al suolo le decine di fabbriche dismesse (era un polo da 25/30.000 operai, tanto per intenderci) e sostituirle con palazzoni e centri commerciali, ha avuto il buon senso di trasformarla in centro di attività terziarie, lasciando intatti parecchi volumi dei grandi stabilimenti abbandonati, dalla CGE, chiamata erroneamente ex Ansaldo, alla Riva Calzoni, alla Richard Ginori, alla Loro Parisini. Gli immobili hanno riacquistato valore, il tessuto urbano è stato rispettato, nuove occasioni di lavoro sono state create, ecco una brillante operazione urbanistica. È un percorso che abbiamo seguito con il documentario di 38’ Oltre il ponte, realizzato nel 2006-07[4]. Avremmo potuto accontentarci e dire «bravi!». Ma a noi non bastava lo sguardo dell’urbanista. Noi ci siamo chiesti: «Ok, tutto bene, ma come si lavora là dentro? Come si lavorava una volta?».

Le trasformazioni urbane derivano dalle scelte di specializzazione produttiva del nostro sistema economico, di cui la speculazione immobiliare è un aspetto

 

Siamo ben consapevoli che quelle che abbiamo chiamato le “fragilità”, le caratteristiche della città che rappresentano un rischio di degrado se non addirittura d’imbarbarimento, sono altrettanto consistenti quanto le caratteristiche positive. Ma se non vengono alla luce non è certo perché si è preferito fare City Life invece di un quartiere di case popolari, le scelte urbanistiche c’entrano pochissimo. Le trasformazioni sono avvenute con processi che hanno coinvolto principalmente il fattore lavoro, declinato in tutte le sue modalità, non soltanto il lavoro industriale rispetto al lavoro nei servizi ma soprattutto il lavoro tecnico-intellettuale, il lavoro professionale, il lavoro con le tecniche digitali: non si è trattato solo di un problema di costi – anche se rimane centrale oggi la questione delle retribuzioni con la proliferazione di working poor – ma si tratta di una partita con una posta in gioco molto più alta, che è quella della modificazione degli assetti mentali, della modificazione del cervello umano – apertamente dichiarata come obiettivo aziendale da giganti come Google, Facebook, Amazon. Si dice che oggi il problema è quello dell’accaparramento delle risorse della natura, in realtà il problema è quello dell’accaparramento of the human brain. È la capacità raziocinante dell’essere autonomo e indipendente, capace di resistere al bombardamento di mistificazioni della realtà, di selezionare l’informazione dalle fake news, è la possibilità di provare ancora sentimenti di solidarietà coi propri simili – sono queste le cose che vogliono estirpare dal nostro DNA, dal nostro sentire, dal nostro agire. La presenza di questi agenti “predatori”, che non  a caso scelgono come primo terreno di conquista  il nostro patrimonio cognitivo, configura uno scenario molto più drammatico di quello che Saskia Sassen ci propone con le sue teorie sulle espulsioni, anche perché l’arena in cui questa partita si gioca non è solo la città o la città globale ma è anche il più sperduto borgo dell’Appennino. Semmai è il vecchio discorso di suo marito Richard Sennett su the corrosion of character a essere più pertinente, più utile per capire come mai tanti giovani newcomers sono disposti ad accettare di lavorare per un euro di meno dei loro colleghi già inseriti nel mercato. Fenomeno questo capace di produrre più working poor di qualunque padrone avido, capace di svalorizzare il cosiddetto “capitale umano” come nessuna crisi economica è capace di fare.

La costituzione di ACTA, la creazione di reti europee dei freelance e il loro gemellaggio con la Freelancers Union degli Stati Uniti, cioè le attività militanti di organizzazione per arginare l’individualismo esasperato, per rendere consapevoli i lavoratori della conoscenza dei loro diritti, per convincerli a difendere il loro valore di mercato, gli appelli a non lavorare gratis per l’EXPO: sono tutte esperienze con cui abbiamo di fatto attraversato la città con una specie d’inchiesta permanente. Con questo bagaglio di esperienze affrontiamo il nodo del mito ingannevole di Milano, nella speranza di arrivare in tempo a introdurre dei correttivi prima che la prossima scadenza elettorale ci riporti all’epoca buia dei Formentini-Albertini-Moratti.

Oggi il downgrading della città e di certi suoi quartieri lo si legge nel privato, assai più che nel pubblico, le trasformazioni urbane di una città “globale” come Milano sono riconducibili alle scelte di specializzazione produttiva del nostro sistema economico di cui la speculazione immobiliare è solo uno degli aspetti e non dei più devastanti. Sono fenomeni che hanno acquistato una forte accelerazione dopo la crisi del 2008 e che una volta di più ci fanno capire che “la città” come unità concettuale è una pura mistificazione. Milano come entità omogenea non esiste, non può essere trattata come un soggetto, è semplicemente un segmento di uno spazio: qui si ritrovano, magari esaltate, tutte le fragilità del sistema-Italia, le quali hanno il loro punto di coagulo in una classe imprenditoriale e manageriale che, pur di salvare i suoi margini di profitto, ha condannato il paese al declino (qualunque settore si prenda in considerazione, dalla logistica al ciclo dell’auto), un paese che nella transizione verso Industria 4.0 probabilmente si staccherà definitivamente dal novero di quelli cosiddetti “avanzati”.

L’Italia è il paese dove in questi anni si è formata la nuova categoria di ricchi che prosperano sul mercato delle braccia e offrono la loro merce di moderni schiavi alle grandi multinazionali della logistica o ai grandi gruppi partecipati da Cassa Depositi e Prestiti, come Fincantieri. Se ne parla perché magistratura e Guardia di Finanza hanno deciso finalmente di intervenire. Ma questi delinquenti hanno dei cugini non troppo lontani, quelli che prosperano con le loro agenzie d’intermediazione di lavori tecnico-intellettual-creativi di cui Milano è forse la piazza più importante d’Italia. Sono la “faccia pulita” del commercio di forza lavoro qualificata low cost. Essi costituiscono il lato oscuro del “modello Milano” ma per stanarli non possiamo certo ricorrere a parametri urbanistici. E questo vale per Milano come per Napoli, per Firenze come per Torino. Ma se le amministrazioni comunali volessero prendere in mano direttamente l’iniziativa per contrastare il fenomeno mondiale del degrado delle condizioni di lavoro ben venga! Questo ci fa guardare con interesse l’iniziativa Decent Work Cities lanciata un paio d’anni fa dal sindaco di Seul su incoraggiamento dell’ILO e alla quale si stanno aggregando metropoli quali New York, Parigi, Dakar, Bangkok.


[1] Nel 2011 uno degli elementi decisivi per l’elezione di Giuliano Pisapia a sindaco di Milano è stata la straordinaria partecipazione di cittadini e cittadine organizzati nei “Comitati x Pisapia”: dopo la vittoria elettorale si sono trasformati in Comitati x Milano e si prefiggono di proseguire il confronto con l’Amministrazione comunale in collaborazione con associazioni, enti e organismi della cittadinanza attiva.

[2] Si tratta di un film collettivo che racconta il ballottaggio per le elezioni a sindaco di Milano nel 2011, che si conclude il 30 maggio con la vittoria di Giuliano Pisapia contro Letizia Moratti: l’idea è stata proposta da Luca Mosso e Bruno Oliviero, all’indomani del primo turno elettorale, per poter raccontare con il cinema quel vento di cambiamento che stava dando un nuovo volto politico alla città; il progetto ha coinvolto 50 videomaker ed è stato sostenuto da Associazione Filmmaker attraverso una campagna di crowdfunding.

[3] Con il termine “Fuorisalone” si indica l’insieme degli eventi distribuiti in diverse zone di Milano organizzati in corrispondenza del Salone Internazionale del Mobile, la manifestazione per il settore dell’arredo e del design avviata nel 1961. Il Fuorisalone, nato nei primi anni Ottanta per iniziativa di alcune imprese, è stato istituzionalizzato nel 1991 quando la rivista Interni ha creato il logo e promosso la prima guida a tutti gli eventi. Nell’ultimo quindicennio durante la Milano Design Week interi quartieri vengono popolati da esposizioni e attività temporanee e dai numerosissimi visitatori: si tratta spesso di ex aree industriali dismesse che le aziende del design affittano per il periodo e che sono state riconvertite e ripensate per questi usi provvisori. Il quartiere di Porta Genova è uno dei primi esempi del “Design District” sorti intorno al Salone del Mobile.

[4] La casa editrice DeriveApprodi di Roma ha pubblicato negli stessi anni il volume Dalla classe operaia alla creative class. La trasformazione di un quartiere di Milano, che conteneva il DVD del documentario. Il materiale di ricerca, molte ore di registrazione audio e riprese video, che non è stato utilizzato è stato depositato presso la Fondazione Micheletti di Brescia, dove si trova a disposizione del pubblico. Il volume purtroppo è esaurito, copie sono consultabili presso la Biblioteca della Fondazione.

La “Passione” di lavoratori e lavoratrici dell’editoria

Mattia Cavani

Disegno: Pat Carra

La redazione di OPM ha raccolto la testimonianza di Mattia Cavani, editor freelance e membro di Redacta, un gruppo di professionisti dell’editoria libraria che sta portando avanti un’inchiesta sulle condizioni di lavoro nel settore. Nato all’interno di Acta, l’associazione dei freelance, questo progetto ha raccolto testimonianze e dati da redattori, traduttori, illustratori, grafici e addetti stampa con l’obiettivo di riaprire il dibattito sullo sfruttamento nell’industria culturale.

Com’è nata l’esperienza di Redacta?

Con Acta[1] ci siamo sempre mossi trasversalmente rispetto alle singole professioni, insistendo su temi che riguardano tutti i freelance: fisco, welfare e previdenza. Tuttavia, uno sguardo così ampio non ci consentiva di mettere sufficientemente a fuoco il problema principale di lavoratrici e lavoratori autonomi, quello dei compensi (che ha implicazioni ovvie per la previdenza e, a causa del meccanismo dei minimi contributivi, sull’accesso effettivo al welfare). Così abbiamo provato a concentrarci su un micro-mercato del lavoro, l’editoria libraria.

Per noi di Redacta[2], oltretutto, questo progetto costituisce un groviglio inestricabile con le nostre carriere nell’industria libraria.  Abbiamo  passato il nostro primo lustro da lavoratori e lavoratrici dell’editoria a rafforzare il profilo professionale: formarci, specializzarci – stando allo stesso tempo bene attenti ad ampliare il ventaglio delle nostre specialità –, coltivare contatti, allargare la nostra rete anche al di fuori dell’editoria tradizionale, e perfino imparare a negoziare per spuntare qualche centesimo in più. Tuttavia la competizione al ribasso sui compensi e sulle condizioni di lavoro, esacerbata dagli abusi sugli stage e dalla mancanza di compensi minimi, ha continuato a svalutare le nostre competenze. Constatati i limiti dell’azione individuale abbiamo presto realizzato che l’unica strada per uscire da questo pantano passava per la costruzione di un solido fronte comune.

Un primo passo necessario è stato capire di quali lavoratori e lavoratrici stavamo parlando e di quali condizioni di lavoro, un tema da sempre escluso dai report annuali dell’Associazione Italiana Editori e che era stato affrontato una prima volta nel 2012 dall’indagine realizzata dalla Rete dei Redattori Precari in collaborazione con la Cgil[3]. Così, insieme ad ACTA, l’associazione dei freelance, abbiamo pensato di far partire la nostra inchiesta. Nell’aprile 2019 sono cominciate le riunioni carbonare con colleghi, amici e amici di amici, poi la rete si è progressivamente ampliata grazie a una serie di interviste e a un sondaggio online. I primi dati[4] parziali non ci hanno sorpreso più di tanto: oltre la metà di chi ha compilato dichiara di avere un reddito annuo lordo inferiore a 15.000 euro lavorando per il settore tra le 30 e le 50 ore alla settimana. Lavorano tanto e guadagnano poco. In tantissimi vivono a Milano, dove si concentra la maggior parte degli editori, ma il costo della vita complica molto le cose.

Disegno: Pat Carra

A fine ottobre 2019 abbiamo presentato una piattaforma programmatica[5] che include una proposta di riordino della normativa sugli stage, compensi dignitosi per limitare il dumping tra i professionisti e misure per farli uscire dall’invisibilità; inoltre abbiamo sfruttato l’occasione per denunciare l’istituzionalizzazione di pratiche palesemente illegali su contratti e tempi di pagamento. Negli ultimi mesi abbiamo portato le nostre proposte sulla stampa[6] e alle fiere di settore (Bookcity a Milano e Più Libri Più Liberi a Roma). A partire da gennaio 2020 abbiamo istituito una riunione mensile per dare una continuità alla nostra azione e rispondere alla crescente domanda di partecipazione che riceviamo.

Quali sono state le reazioni più significative e indicative di uno stato d’animo generale che la vostra proposta ha provocato?

Una parte del nostro sondaggio online riguarda la raccolta dei tariffari dei committenti. Nonostante la garanzia di totale anonimato, nel campo dedicato al nome dell’editore di cui i compilatori fornivano la tariffa abbiamo trovato diverse sorprese: «Campo vuoto, Non posso dirlo, Non si dice il peccatore, Non voglio fare nomi, Pinco Pallo, XXX». Risposte di questo tipo rendono l’idea di quanto sia stata interiorizzata la paura di confrontarsi con gli altri, figuriamoci quindi a che punto siamo con le pretese di “alzare la testa”. Lo stesso timore emerge spesso durante le nostre riunioni: dobbiamo perciò coniugare la massima apertura alla partecipazione con il massimo grado di protezione dell’identità dei partecipanti. Questo vale soprattutto per le numerose “finte partite iVa” che nel settore coprono spesso collaborazioni esclusive e (ne abbiamo conosciute diverse) anche decennali. La stragrande maggioranza del reddito di questi professionisti deriva da un singolo committente, che con un forfait annuale assorbe la quasi totalità del tempo del lavoratore. Lo squilibrio di potere che si viene a creare è notevole anche perché, in un settore relativamente piccolo dove «ci si conosce tutti», passare a vie giudiziarie per sanare la propria posizione costituisce una sorta di harakiri. Così professionisti con grande esperienza e redditi tutto sommato decenti alle riunioni finiscono per essere i più cauti.

Anche i nostri tentativi di ragionare sul tema dei compensi orari hanno scatenato reazioni scomposte. Abbiamo presentato i dati parziali dell’inchiesta in occasione della European Freelancers Week, in un dibattito pubblico a cui partecipava anche un piccolo editore, di quelli di chiara fede progressista. Quando abbiamo mostrato i miseri compensi orari attuali e le nostre proposte per portarli a un livello dignitoso, l’editore è arrivato a sostenere che i nostri dati erano viziati dalla pigrizia dei rispondenti; a suo dire, i cottimisti editoriali, nonostante le tariffe patetiche, se la prenderebbero troppo comoda, esagerando con le pause caffè. In quel momento dal pubblico si sono alzate le mani di tanti che hanno chiesto di intervenire per testimoniare come, in realtà, l’abbassamento delle tariffe delle singole prestazioni sia stato progressivamente accompagnato da un aumento del carico di lavoro previsto per adempiere ciascuna prestazione (non ci sembra un caso che le prime proteste si siano levate quando l’editore ha apostrofato i nostri rispondenti con l’epiteto svilente di «refusisti»). Conoscenti e sconosciuti, freelance e dipendenti, hanno voluto prendere la parola per raccontare la propria verità. Non c’è stato tempo di far parlare tutti, ma è stato un momento importante per noi e per tutti quelli che erano in sala: per la prima volta abbiamo visto la potenza che poteva scatenare una coalizione tra i “cani randagi” di un settore considerato sempre come irriformabile. L’editore che ha scatenato il putiferio si è preso l’ultima parola per precisare, citazione testuale, che lui è «sempre dalla parte dei lavoratori, mica dei padroni»: una chiosa a suo modo perfetta.

Ci sembra che siate riusciti a creare una presa di coscienza. La prima battaglia da condurre è sempre all’interno del soggetto collettivo. Poi in un secondo tempo si affronta il discorso con la controparte. Anche per voi è così?e. Anche per voi è così?

La prospettiva di un confronto con gli editori su compensi e abuso dei tirocini (tanto per cominciare da due temi essenziali) dovrebbe garantirci, di per sé, il sostegno della maggior parte di colleghi e colleghe, ma questo non è affatto scontato. Per esempio, è molto difficile convincere le persone a ragionare sullo stato dell’arte del settore al di là degli schemi preconfezionati dall’Associazione Italiana Editori. Ogni anno il Rapporto sullo stato dell’editoria evidenzia che in Italia si producono troppi libri (siamo vicini alle 80.000 novità all’anno, un 29% in più del dato 2010), una valanga di titoli che crea cortocircuiti logistici e commerciali (denunciati a ogni piè sospinto dalle librerie) e mette in difficoltà persino la promozione. Tra le mille variabili rilevate dal rapporto non c’è mai quella dei compensi; tuttavia un’idea sulla loro evoluzione si può avere dal crollo delle tirature medie (rispetto al 2000 siamo a -47%). In altre parole, il punto di break even per ogni titolo è sempre più basso, dunque lavoro più intenso e meno pagato. Questo banale ragionamento di solito viene accolto con tiepido scetticismo o iperbolica sorpresa (tanti ci chiedono dove abbiamo trovato questi dati, tratti dal più pubblicizzato dossier sullo stato del settore). Sarebbe comprensibile se l’assetto attuale fosse difeso solo dai pochi che, grazie a una rendita di posizione più o meno simbolica, ne traggono ancora qualche vantaggio; ma alle nostre riunioni siamo rimasti basiti quando abbiamo sentito anche alcuni working poor giustificare la propria condizione con varianti dell’adagio: «È il mercato, bellezza».

Disegno: Pat Carra

Dunque prima di pensare a un confronto con   la controparte occorre rimboccarsi le maniche e smontare pazientemente tutto l’immaginario pacificato che è stato costruito intorno al settore; per esempio, spiegare la differenza tra autosfruttamento degli editori (che diventano così gli eroi della situazione) e lo sfruttamento dei lavoratori pagati in gloria o visibilità. Potrebbe sembrare un voler battere sempre sullo stesso tasto, ma occorre restituire la consapevolezza che ogni volta che si lavora per conto terzi esiste un conflitto tra le pretese del professionista e quelle del committente, ovvero uno spazio di negoziazione. Non si può dare niente per scontato, e crediamo che questo valga anche per molti altri settori e per una larga fetta dei lavoratori autonomi.

Ripartire dalle basi non significa, in ogni caso, rinunciare alla fantasia. Durante Bookcity, la settimana di novembre in cui Milano celebra il feticcio del libro e della sua compagnia di giro, abbiamo invaso il passeggio del sabato con una Via Crucis[7]. Dalla Fondazione Feltrinelli al Castello Sforzesco, abbiamo preso come stazioni i luoghi simbolo dell’editoria milanese (tra cui la sede storica del Corriere della Sera in via Solferino, il Laboratorio Formentini e la sede De Agostini a Brera). A ogni tappa un monologo sulla “Passione” di lavoratori e lavoratrici dell’editoria, intesa sia come cammino doloroso, sia come ambigua retorica usata per giustificare la mancanza di scrupoli degli editori. Il successo di questa performance di arte pubblica e delle nostre riunioni, eventi offline e partecipativi, ci fa sospettare di essere sulla buona strada per ripoliticizzare tutto il discorso intorno al libro.


[1] Acta è l’associazione che da quindici anni studia, difende e rappresenta i freelance in Italia.

[2] Per una breve storia del progetto si veda: Redacta libera tutti.

[3] L’indagine Editoria Invisibile, realizzata tra il 2011 e il 2012, è ancora oggi un buon punto di partenza per capire le dinamiche dell’industria editoriale.

[4] Sui primi risultati dell’indagine di Redacta si veda: Il lavoro editoriale: trick or treat? (Prima parte)

[5] Sulle quattro proposte di Redacta per cambiare il settore editoriale si veda: Il lavoro editoriale: trick or treat? (Seconda parte).

[6] Intervista rilasciata a «Il lavoro culturale» nel dicembre 2019, si veda: La passione editoriale.

[7] Per un resoconto della Via Crucis organizzata durante Bookcity si veda: Che cos’è successo alla nostra passione? .